Journal article Open Access

Il conflitto tra diritto d'autore e ricerca scientifica nella disciplina del text and data mining della direttiva sul mercato unico digitale

Caso, Roberto

La legge sul diritto d’autore collide frontalmente con il progresso scientifico. Mentre l’evoluzione della scienza si basa sul dialogo pubblico tra uomini, la legge sul diritto d’autore restringe sempre di più gli spazi di libera discussione e lo fa paradossalmente nel momento in cui l’umanità dispone della più potente tecnologia (il Web) utile a rafforzare ed estendere la comunicazione tra esseri pensanti. La politica legislativa europea sul diritto d’autore è sempre più plasmata su (alcuni) interessi commerciali e sempre meno incline a propiziare il progresso della conoscenza. La direttiva UE 2019/790 sul diritto d’autore nel mercato unico digitale aggiunge un altro tassello al puzzle della legislazione che minaccia l’evoluzione della scienza. Ciò non dovrebbe preoccupare solo gli scienziati ma tutti i cittadini e anche le imprese che si dedicano all’innovazione tecnologica. Senza una scienza autonoma, libera e pubblica, senza una scienza aperta, non ci può essere né democrazia, né progresso culturale, né innovazione tecnologica. Da questa prospettiva la disciplina delle c.d. eccezioni e limitazioni (al diritto di esclusiva) concernenti la ricerca scientifica che adopera tecniche di text and data mining non risolve il conflitto tra scienza e legge sul diritto d’autore. La politica dell’UE appare sempre più contraddittoria, da una parte rafforza la proprietà intellettuale, dall’altra promuove (o dice di voler promuovere) la scienza aperta. Si tratta di obiettivi inconciliabili.

Trento LawTech Research Paper nr. 38
Files (408.7 kB)
Name Size
LTRP_38_Caso.pdf
md5:664086631e4398a0a98ac79105efac4d
408.7 kB Download
144
97
views
downloads
All versions This version
Views 144144
Downloads 9797
Data volume 39.6 MB39.6 MB
Unique views 9898
Unique downloads 8585

Share

Cite as