Working paper Open Access

La libertà accademica e il diritto di messa a disposizione del pubblico in Open Access

Caso, Roberto


MARC21 XML Export

<?xml version='1.0' encoding='UTF-8'?>
<record xmlns="http://www.loc.gov/MARC21/slim">
  <leader>00000nam##2200000uu#4500</leader>
  <datafield tag="041" ind1=" " ind2=" ">
    <subfield code="a">ita</subfield>
  </datafield>
  <datafield tag="653" ind1=" " ind2=" ">
    <subfield code="a">Open Science</subfield>
  </datafield>
  <datafield tag="653" ind1=" " ind2=" ">
    <subfield code="a">Copyright Law</subfield>
  </datafield>
  <datafield tag="653" ind1=" " ind2=" ">
    <subfield code="a">Open Access to Scientific Publications</subfield>
  </datafield>
  <datafield tag="653" ind1=" " ind2=" ">
    <subfield code="a">Making Available Right</subfield>
  </datafield>
  <datafield tag="653" ind1=" " ind2=" ">
    <subfield code="a">Academic Freedom</subfield>
  </datafield>
  <controlfield tag="005">20200205072052.0</controlfield>
  <datafield tag="500" ind1=" " ind2=" ">
    <subfield code="a">Trento LawTech Research Paper nr. 37</subfield>
  </datafield>
  <controlfield tag="001">3635771</controlfield>
  <datafield tag="856" ind1="4" ind2=" ">
    <subfield code="s">354891</subfield>
    <subfield code="z">md5:9fe95560475b3718ad0e0b3f1736bf09</subfield>
    <subfield code="u">https://zenodo.org/record/3635771/files/Caso_Libertà_accademica_diritto_autore_accesso_aperto_27_03_2019.pdf</subfield>
  </datafield>
  <datafield tag="856" ind1="4" ind2=" ">
    <subfield code="s">433317</subfield>
    <subfield code="z">md5:5234f82272716085ff0fe389e3e0584a</subfield>
    <subfield code="u">https://zenodo.org/record/3635771/files/Caso_LTRP_37.pdf</subfield>
  </datafield>
  <datafield tag="542" ind1=" " ind2=" ">
    <subfield code="l">open</subfield>
  </datafield>
  <datafield tag="260" ind1=" " ind2=" ">
    <subfield code="c">2019-03-27</subfield>
  </datafield>
  <datafield tag="909" ind1="C" ind2="O">
    <subfield code="p">openaire</subfield>
    <subfield code="o">oai:zenodo.org:3635771</subfield>
  </datafield>
  <datafield tag="100" ind1=" " ind2=" ">
    <subfield code="u">Università di Trento</subfield>
    <subfield code="a">Caso, Roberto</subfield>
  </datafield>
  <datafield tag="245" ind1=" " ind2=" ">
    <subfield code="a">La libertà accademica e il diritto di messa a disposizione del pubblico in Open Access</subfield>
  </datafield>
  <datafield tag="540" ind1=" " ind2=" ">
    <subfield code="u">https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0/legalcode</subfield>
    <subfield code="a">Creative Commons Attribution Share Alike 4.0 International</subfield>
  </datafield>
  <datafield tag="650" ind1="1" ind2="7">
    <subfield code="a">cc-by</subfield>
    <subfield code="2">opendefinition.org</subfield>
  </datafield>
  <datafield tag="520" ind1=" " ind2=" ">
    <subfield code="a">&lt;p&gt;In alcuni importanti Paesi Membri dell&amp;rsquo;Unione Europea sono state emanate, a partire dal 2013, leggi volte a conferire all&amp;rsquo;autore un diritto inalienabile e irrinunciabile di mettere a disposizione del pubblico in Open Access (OA), accesso aperto, su Internet la propria opera scientifica frutto della ricerca finanziata con fondi pubblici e precedentemente pubblicata con un editore commerciale.&lt;/p&gt;

&lt;p&gt;L&amp;rsquo;istituzione di questo nuovo diritto d&amp;rsquo;autore &amp;ndash; o meglio, di una nuova caratterizzazione del diritto di comunicazione e messa a disposizione del pubblico - &amp;egrave; finalizzata a rendere praticabile una delle vie mediante le quali si raggiunge l&amp;rsquo;OA alle pubblicazioni scientifiche: la c.d. &lt;em&gt;green road&lt;/em&gt;. Per via verde si intende quella forma di accesso aperto che si esplica nel deposito (c.d. &lt;em&gt;self-archiving&lt;/em&gt;) presso archivi istituzionali o disciplinari ad accesso aperto di ci&amp;ograve; che &amp;egrave; stato in precedenza pubblicato con editori commerciali che chiedono un pagamento per la fruizione dell&amp;rsquo;opera (c.d. accesso chiuso). I Paesi che hanno normato la materia, novellando le proprie leggi sul diritto d&amp;rsquo;autore, sono: la Germania nel 2013, i Paesi Bassi nel 2015, la Francia nel 2016 e il Belgio nel 2018. Con diverse formulazioni tali normative mirano a blindare il diritto di messa disposizione del pubblico conferendogli i caratteri dell&amp;rsquo;irrinunciabilit&amp;agrave; e dell&amp;rsquo;inalienabilit&amp;agrave;. Si tratta di norme di natura imperativa: non possono essere derogate dal contratto. In particolare, vengono neutralizzate le eventuali clausole del contratto tra autore ed editore che fossero finalizzate alla cessione piena ed esclusiva del diritto messa a disposizione del pubblico. Sono altres&amp;igrave; norme di applicazione necessaria, il tentativo dell&amp;rsquo;editore di aggirarle, mediante la scelta negoziale di una legge (nazionale) applicabile al contratto che non prevede il diritto di messa a disposizione del pubblico in accesso aperto, sarebbe vano.&lt;/p&gt;

&lt;p&gt;Una recente proposta di legge italiana di iniziativa parlamentare si muove, dopo alcuni emendamenti, nella stessa direzione.&lt;/p&gt;

&lt;p&gt;Il diritto di mettere a disposizione del pubblico in accesso aperto l&amp;rsquo;opera scientifica costituisce un importante presidio della libert&amp;agrave; accademica.&lt;/p&gt;

&lt;p&gt;Da un punto di vista storico, il diritto mira a ripristinare la libera circolazione (almeno) degli articoli scientifici che nella prima fase del diritto d&amp;rsquo;autore non veniva intaccata dal diritto di esclusiva.&lt;/p&gt;

&lt;p&gt;L&amp;rsquo;idea &amp;egrave; riemersa in Germania a partire dal 2005, quando si &amp;egrave; iniziato a discutere di modificare la legge sul diritto d&amp;rsquo;autore per conferire all&amp;rsquo;autore un diritto inalienabile di rendere accessibile per finalit&amp;agrave; non commerciali il proprio articolo scientifico frutto di ricerche prevalentemente finanziate con fondi pubblici dopo sei mesi dalla prima pubblicazione.&lt;/p&gt;

&lt;p&gt;Si tratta di un dispositivo giuridico che non garantisce la realizzazione della forma pi&amp;ugrave; avanzata di Open Access, cio&amp;egrave; quella che si basa sulla concessione al pubblico di ampi diritti di riuso (c.d. Libre Open Access). L&amp;rsquo;autore che, dopo aver ceduto i diritti economici all&amp;rsquo;editore, torni nella disponibilit&amp;agrave; del solo diritto di messa a disposizione del pubblico non pu&amp;ograve; concedere ampi diritti di riuso mediante una licenza Creative Commons estremamente permissiva. Non pu&amp;ograve;, ad esempio, concedere al pubblico il diritto di trarre opere derivate.&lt;/p&gt;

&lt;p&gt;In altri termini, il diritto di messa a disposizione del pubblico in OA &amp;egrave; una soluzione compromissoria in un mondo ancora dominato dall&amp;rsquo;editoria scientifica commerciale.&lt;/p&gt;

&lt;p&gt;Il tema perci&amp;ograve; merita di essere trattato al fine di discutere i modelli normativi stranieri, la proposta di legge italiana e i possibili sviluppi futuri.&lt;/p&gt;</subfield>
  </datafield>
  <datafield tag="773" ind1=" " ind2=" ">
    <subfield code="n">doi</subfield>
    <subfield code="i">isVersionOf</subfield>
    <subfield code="a">10.5281/zenodo.2611104</subfield>
  </datafield>
  <datafield tag="024" ind1=" " ind2=" ">
    <subfield code="a">10.5281/zenodo.3635771</subfield>
    <subfield code="2">doi</subfield>
  </datafield>
  <datafield tag="980" ind1=" " ind2=" ">
    <subfield code="a">publication</subfield>
    <subfield code="b">workingpaper</subfield>
  </datafield>
</record>
557
305
views
downloads
All versions This version
Views 557132
Downloads 30573
Data volume 112.4 MB30.1 MB
Unique views 472101
Unique downloads 26353

Share

Cite as