Working paper Open Access

Una valutazione (della ricerca) dal volto umano: la missione impossibile di Andrea Bonaccorsi

Roberto Caso


DataCite XML Export

<?xml version='1.0' encoding='utf-8'?>
<resource xmlns:xsi="http://www.w3.org/2001/XMLSchema-instance" xmlns="http://datacite.org/schema/kernel-4" xsi:schemaLocation="http://datacite.org/schema/kernel-4 http://schema.datacite.org/meta/kernel-4.1/metadata.xsd">
  <identifier identifierType="DOI">10.5281/zenodo.345013</identifier>
  <creators>
    <creator>
      <creatorName>Roberto Caso</creatorName>
      <affiliation>Università di Trento</affiliation>
    </creator>
  </creators>
  <titles>
    <title>Una valutazione (della ricerca) dal volto umano: la missione impossibile di Andrea Bonaccorsi</title>
  </titles>
  <publisher>Zenodo</publisher>
  <publicationYear>2017</publicationYear>
  <subjects>
    <subject>Evaluation of research</subject>
    <subject>Research assessment</subject>
    <subject>Robert K. Merton</subject>
    <subject>Andrea Bonaccorsi</subject>
    <subject>Law</subject>
    <subject>Open Science</subject>
    <subject>Open Access to scientific publications</subject>
  </subjects>
  <dates>
    <date dateType="Issued">2017-03-02</date>
  </dates>
  <resourceType resourceTypeGeneral="Text">Working paper</resourceType>
  <alternateIdentifiers>
    <alternateIdentifier alternateIdentifierType="url">https://zenodo.org/record/345013</alternateIdentifier>
  </alternateIdentifiers>
  <rightsList>
    <rights rightsURI="https://creativecommons.org/licenses/by/4.0/legalcode">Creative Commons Attribution 4.0 International</rights>
    <rights rightsURI="info:eu-repo/semantics/openAccess">Open Access</rights>
  </rightsList>
  <descriptions>
    <description descriptionType="Abstract">&lt;p&gt;In un libro recente - “La valutazione possibile - Teoria e pratica nel mondo della ricerca, Il Mulino, 2015” - Andrea Bonaccorsi sostiene, con toni riflessivi e pacati, una tesi che si può condensare nella seguente affermazione: la valutazione è espressione delle norme mertoniane (imperativi istituzionali) della scienza. Nelle parole dell’autore:&lt;/p&gt;

&lt;p&gt;“Per quanto mi riguarda, non ho difficoltà a partire dal principale modello normativo della scienza moderna dovuto a Robert K. Merton. Nella formulazione più nota, gli scienziati sono universalisti, comunitari, disinteressati e scettici”, [p. 19].&lt;/p&gt;

&lt;p&gt;Si tratta di una tesi debole. Sebbene Bonaccorsi si impegni in una faticosa (e pur interessante) analisi interdisciplinare al fine di elaborare originali argomenti a favore della valutazione, i risultati teorici raggiunti non sembrano convincenti. L’analisi dell’autore offre una lettura distorta e parziale dell’opera mertoniana, tradendone il significato più profondo. Inoltre, trascura la dimensione giuridica del rapporto tra norme formali poste dallo Stato nel processo valutativo e le norme informali della scienza.&lt;/p&gt;

&lt;p&gt;Sotto altro profilo, il testo in esame prova a delineare un disegno democratico, dialogico, condiviso e trasparente della valutazione - si veda in particolare p. 89 – che, oltre a soffrire della debolezza della tesi di fondo, collide frontalmente con la prassi italiana dell’Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca (ANVUR), motore immobile di orrori giuridici nonché di un gigantesco contenzioso amministrativo che consegna ai giudici (amministrativi) la vera e ultima valutazione.&lt;/p&gt;</description>
  </descriptions>
</resource>
271
58
views
downloads
All versions This version
Views 271272
Downloads 5858
Data volume 17.5 MB17.5 MB
Unique views 235236
Unique downloads 5555

Share

Cite as